Avevo un desiderio, farmi sborrare in faccia

Mi presento: sono una milf italiana con voglia di sesso. Questa? Una delle storie porno più eccitanti della mia vita!

Avevo un desiderio: farmi sborrare in faccia! detto così, potrebbe sembrare una normalità per alcuni di voi ed una cosa troppo azzardata! Devo ammetterlo. La vita da milf italiana mi piace eccome! Sono una donna sexy ed elegante e certamente non mancano gli uomini che mi girano attorno..

Io però, amo fare sesso, motivo per il quale, non mi accontento mai! Motivo per il quale, vi sto raccontando oggi, una di quelle storie porno da capogiro!

Nella vita di tutti i giorni sono una milf tuttofare! Svolgo due lavori, gestisco le faccende domestiche, bado al mio cane Pit e mi comporto come una normalissima ed attiva donna di 42 anni come tante. C’è una differenza però tra me e le mie coetanee: io amo fare sesso ed amo farlo bene! Purtroppo, in questi 42 anni credo di essere stata sfortunata con l’altro sesso! Ho sempre incontrato e conosciuto uomini noiosi, nella vita e sotto le lenzuola!

Nessuno che sapesse davvero soddisfarmi e farmi sentire una vera donna! Le mie voglie sono sempre in continuo cambiamento, in costante crescita.. sono una milf curiosa che non si accontenta!

Di storie porno ne potrei raccontare tante e diverse, ma nessuna che meriterebbe di essere ricordata! Questa storia invece.. questa storia la ricordo eccome! E’ stata eccitante ed inaspettata!

Avevo da poco iniziato a lavorare in un call center alla periferia di Roma; uno dei tanti lavori fatti per necessità economica, è chiaro.. non avrei mai immaginato che quel call center mi avrebbe fatto incontrare l’uomo capace di esaudire ogni mio languido desiderio sessuale! Quello di farmi sborrare in faccia, per esempio era uno di quei desideri che non avevo mai potuto realizzare nelle precedenti relazioni; uomini sempre fin troppo pudici e fintamente santi.. che noia!

Il lavoro al call center era iniziato da pochi, pochissimi giorni quando incontrai per la prima volta lui: Carlo. Un ragazzo apparentemente senza fronzoli, uno di quelli che sembrano timidi e riservati.. chi se lo sarebbe mai aspettato che invece sotto le lenzuola sarebbe stato una sorpresa!

Non ho accettato le avance di Carlo solo per timore di compiere l’ennesimo fallimento, l’ennesima frequentazione sbagliata. Ogni giorno Carlo, pensava ad un nuovo appuntamento da propormi finchè dopo ripetute negazioni, accettai l’invito per una cena a casa sua.

Ricordo di non essere stata agitata neanche per un istante; anzi.. ero rilassata dall’idea che l’uomo che si era proposto di cucinare per me una vera carbonara DOC, fosse un uomo pacato e tranquillo.. senza grilli per la testa!

Chiaramente, scoprì solo dopo che Carlo, il mio ingenuo collega, non era tranquillo e pacato per nulla.. e devo ammettere: meglio così!

L’aria quella sera di aprile non era troppo fresca, il cielo di Roma era sereno e senza nuvole, così decisi di anticipare la primavera ed indossare un abitino che mi lasciava schiena e gambe scoperte.. rigorosamente con un tacco a spillo rosso fuoco legato alla caviglia.

Avevo sistemato al meglio i miei capelli e truccato il viso per mascherare la stanchezza della giornata di una milf italiana indaffarata e sempre di corsa! Avevo voglia di rilassarmi davanti ad un buon calice di vino in compagnia di un uomo come Carlo.. mai pensando di dover fare sesso!

Vi state chiedendo che intimo indossi una milf italiana per un appuntamento a casa di un collega? Avevo un body in pizzo nero.. super sexy!

Una volta arrivata a casa di Carlo, la situazione visivamente era nettamente rilassante: luci soffuse, un tavolino basso sul quale erano posizionati i calici ed una bottiglia di vino rosso ed una musica in sottofondo che ricordo con piacere!

Sin da subito quella sera, c’è stata un’alchimia tra noi due che non era mai scattata durante le ore passate l’uno accanto all’altra al call center. Quella sera, sin dal saluto iniziale, ho avvertito delle belle vibrazioni..

La carbonara, molto buona; il vino, finito di bere comodamente sul divano e la musica sempre più rilassante. Carlo, una persona interessante e dalla battuta pronta!

Nel bel mezzo delle chiacchiere più disparate, ho confidato a Carlo di aver voglia di mangiare un dolce (l’unica cosa che era mancata durante la cena!) e così, il mio collega intrigante, mi propone di preparare insieme le crepes..

A quel punto io, un pò stranita dalla proposta, fui molto in dubbio sull’accettare.

Spinta dal mio desiderio, dopo pochi minuti ci ritrovammo come due adolescenti ai fornelli insieme.

L’atmosfera si stava facendo nettamente sensuale e piccante.. Carlo aveva trasformato le sue battute divertenti in frecciatine hot e pungenti! Io, rilassata dalla serata, lo lasciavo fare e nel frattempo la mia testa vagava in storie porno e fantasie erotiche incredibili!

Dopo aver preparato l’impasto per i nostri dolci, Carlo, mi sfiora con una mano i capelli per spostarli dal viso.. non lo avesse mai fatto! O forse meglio così.

A quel punto io prendo in mano la situazione e lo afferro per i fianchi, lo bacio con un trasporto ed una passione come se non stessi desiderando altro ed in quel momento si scatena il vero Carlo! Avevo le sue mani ovunque, sotto al vestito, tra i capelli, sulle gambe. era come se fosse affamato del mio corpo!

Io mi son lasciata trasportare dal momento e senza alcuna inibizione abbiamo iniziato a scopare in cucina come se entrambi non stessimo aspettando altro!

Carlo mi lascia in piedi ma mi gira di schiena, mi solleva il vestito e facendomi divaricare leggermente le gambe, con la sua lingua, partendo dal collo, passando per la spina dorsale, arriva dritto sul mio culo.. tra le sue dita e la lingua, io ero già bagnata ed eccitata come non mai!

Mi fa piegare a pecorina mentre cercavo di trovare appiglio sul piano cottura ed inizia a scoparmi con una tale foga che io ho raggiunto l’orgasmo dopo pochi minuti.. incredibile!

Non ero andata lì per fare sesso! Eppure, in un attimo mi son ritrovata a 90 gradi, scopata dal mio collega..

Le dita di Carlo affondavano nella mia pelle, le sentivo su ogni centimetro di me, mentre lui mi penetrava senza sosta! Continuammo a scopare sul tavolo della cucina, ed io ricordo che abbi un secondo e meraviglioso orgasmo!

Dopo qualche minuto, lo fermai perchè avevo una gran voglia di succhiargli il cazzo e non volevo che lui venisse senza che prima io avessi assaporato quel pene così fantastico e duro! Lo fermai e lo feci sedere sul tavolo; iniziai a succhiargli il cazzo e lui con le mani mi teneva i capelli mentre ansimava fortissimo.

Continuai a succhiare il cazzo di Carlo per poco, fino al momento in cui lui mi ha chiesto se avesse potuto sborrarmi in faccia! A quel punto io non ci ho visto più! Ho annuito e dopo pochi secondi, ancora vogliosa di lui, Carlo, mi ha sborrato in faccia ed io come una vera troia, ho assaporato lo sperma di Carlo che caldo mi colava sulle labbra, in bocca, ovunque.

Avevo un desiderio: farmi sborrare in faccia. Carlo, fra tutte le mie storie porno, è stato l’uomo che senza che io glielo chiedessi, lo ha realizzato!

75 Visite totali, 3 visite odierne